14/09/2004

Germanisation du Groupe?


 
Extraits d'une discussion vue sur le forum de Vivalancia...
 
 
 
 
 
 
 

Plus d'infos sur : http://www.vivalancia.com/lancia_fora/read.php?f=31&i...
 
Il est question ici de la 'germanisation' des cadres du Groupe... Il est évident que la rigueur germanique a donné de bons résultats... Le grand retour de Lamborghini en est une preuve... Mais comment préserver le design, l'émotion toute latine de Lancia si trop de rigueur teutonne freine la créativité des designers et ingénieurs latins?
 
Mais il est aussi question de la nécessité de Lancia de prévoir de nouveaux modèles à bref délai et d'au moins en montrer l'un  ou l'autre prototype abouti au Mondial de l'automobile de Paris... rendez- vous est pris...
 
----------------
 
La germanizzazione continua .

Autore:    Pierluigi T.         
Data:    09-13-04 13:43
 
Apprendo oggi che :
"Fiat: nominato nuovo responsabile dell' Engineering e Design :
Harald Wester assumerà l' incarico di responsabile dell' Engineering e Design della Fiat Auto. Wester, attualmente executive vice president e chief technical officer della Magna Steyr, è nato in Germania dove ha conseguito la laurea in Ingegneria meccanica e dell' automobile. Prima di assumere l' attuale incarico, Wester è stato anche il Responsabile dello Sviluppo Prodotto della Ferrari. Assumerà l'incarico a partire dal primo novembre. (13 settembre 2004) "
La germanizzazione, dopo Demel in cabina di comando, si sta quindi espandendo ad altri ruoli fondamentali . Sperare che persone sicuramente preparate come Demel e Wester ma lontane dalla cultura automobilistica italiana possano però comprendere ed apprezzare il vero significato di Lancia e Lancismo diventa sempre più duro.. E' anche vero che i mangare italianio che li hanno preceduti non hanno comunque brillato granchè .
Inoltre con questa nomina di Wester che ne sarà del nostro Manzoni ? Finirà nel dimenticatoio come il vecchio Robinson ?
Ciao
 
--------------------

Re: La germanizzazione continua .

Autore:    ROBERTO         
Data:    09-13-04 14:40
 
Ma gli italianissimi che c'erano e ci sono si sono ricordati della tradizione del marchio Lancia patrimonio della cultura automobilistica italiana?Prima di giudicare comunque vediamo quello che vogliono fare.
La lancia in questo momento è nell'ombra.Ferrari va alla grande e sono contentissimo che sia così,Maserati
è tornata nelle corse dopo 37 anni con MC12 una macchina stupenda da fantascienza.Alfa Romeo ha tantissimi nuovi modelli Brera e 8c competizione,ed auto nuove 157 ecc...Lancia non si sa nulla di certo su i futuri modelli....l'oblio.Che sbocchino al meno la nuova Fulvia...e con questa iniziare a fare qualche rally.
Spero che Wester ci dica qualcosa di ufficiale a Parigi,perchè nessuno si è scordato il concept di Manzoni!!
 
--------------------
 
Re: calma amici

Autore:    ROBERTO        
Data:    09-14-04 00:52
 
il caro amico italo,vuol dire di attendere le strategie prima di arrivare a conclusioni.
Aspettiamo notizie dall'esposizione di Parigi.
Certo i francesi giocheranno in casa e andranno forte Citroen in testa.
Speriamo che in Lancia imbrocchino la via giusta e ci dicano qualcosa di nuovo sul concept Fulvia. 
 
-------------------
 
Re: ..ergo, il design Fiat sarà sempre di più filo-teutonico?

Autore:    Blueyes         
Data:    09-14-04 11:38
 
Certo e' che se al salone di Parigi non si inventano qualcosa di nuovo siamo messi male...
 
-------
 
Re: Parigi e adesso non tanto importante.

Autore:    Blueyes         
Data:    09-14-04 13:47
 
 
Non la penso cosi'.
I vertici ormai sono cambiati e i progetti che devono lanciare sono belli e pronti.
Se c'e' una volonta' di mettere sul mercato qualche nuovo prodotto Lancia (Ypsilon HF, Fulvia o MAGARI GT Stilnovo) lo vedremo al salone di Parigi..... Altrimenti significa che nessunissima decisione si e' presa.....
A meno che non vorranno dare massimo risalto a Musa.......ma dubito che li da sola riesca ad attirare piu di 5 visitatori allo stand Lancia dato che non e' niente ma assolutamente niente di nuovo.
 

 



 

17:47 Écrit par Stephane De Coninck | Lien permanent | Commentaires (0) |  Facebook |

Les commentaires sont fermés.